Tower of London

Un castello di corvi, gioielli e leggende

Quando la prima volta siamo andati a Londra io e Alfredo, con i nostri genitori, io ero un’adolescente che iniziava a capire quanto amasse viaggiare. Una delle cose che mi ricordo di più di quei giorni a Londra è sicuramente il passaggio davanti ai gioielli della Corona.

La Torre di Londra altro non è che un Castello al centro della città, nella zona est, proprio sotto al Tower Bridge a cui dà il nome. La nascita della sua costruzione si deve ai Normanni, che la iniziarono appena dopo aver conquistato la città, poco dopo l’anno 1.000.

Le tante funzioni della Torre di Londra

Nel corso dei suoi numerosi secoli, la Tower of London ha avuto davvero gli utilizzi più diversi: è stata residenza reale, è stata una prigione, è stata un’armeria, è stata la tesoreria e la sede dei gioielli della Corona, proprio quelli di cui vi parlavo.

La Jewel House

Ovviamente molti dei turisti vengono alla Torre di Londra per ammirare l’edificio, per scoprirne la storia, per sentirsi un po’ Riccardo Cuor di Leone o Elisabetta I. Non possiamo però negare l’attrattiva di vedere dal vivo una delle collezioni di gioielli più importanti del mondo.
Si pensa che l’utilizzo della Torre come sede delle insegne della Corona risalga addirittura al regno di Enrico III, nel XIII secolo.

Attualmente i gioielli sono conservati nel Complesso delle Waterloo Barracks. Con il biglietto d’ingresso alla Torre è possibile visitarli: si possono ammirare per massimo un’ora ma vi assicuro che basta per lasciarvi contagiare dal brilluccichio dei diamanti e delle pietre preziose su corone, scettri e spade.
Inutile sottolineare poi che il valore storico, materiale e religioso dei gioielli è davvero incalcolabile.

I corvi neri

Re, prigionieri, soldati. Tanti sono passati dalla torre di Londra ma i residenti più famosi della Torre di Londra restano i corvi neri. Cosa dice la leggenda? Dice che se i corvi sparissero, la Torre crollerebbe. Si immagina la Torre di Londra come una metafora del regno, quindi, onde evitare guai, una delle guardie che proteggono la Torre, il Ravenmaster (che sembra un personaggio di Game of Thrones, vero?), si prende cura di questi uccelli e taglia l’estremità di una loro ali per impedire loro di andarsene. Una tradizione forse poco in linea con l’attenzione all’ambiente e agli animali dell’epoca moderna.

Ospiti storici e attualità

Tra gli “ospiti” più importanti (famosi o famigerati) della Torre di Londra, ne ricordiamo due: Anna Bolena e Tommaso Moro. Al giorno d’oggi invece la Torre, che è patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1988, è la casa di circa 150 persone.

https://www.hrp.org.uk/tower-of-london/#gs.v3o6ss

Trasporti

Metro: Tower Hill (Circle, District, DLR)
Bus: 8, 9, 11, 15, 15B, 22B, 25, 133, 501

Nelle vicinanze

Tower Bridge
Sky Garden
The Shard

Orari

Inverno
Mar - Sab: 9:00 - 16:00
Dom-Lun: 10:00 - 16:30
Estate
Mar - Sab: 9:00 - 17:30
Dom-Lun: 10:00 - 17:30

Prezzi

Adult £27,20
Sconti sul sito