National Gallery

La Pinacoteca con la P maiuscola

La National Gallery ti dà il benvenuto con una semplice frase: “La storia dell’arte europea, di capolavoro in capolavoro”. Ecco, basterebbe questa frase per riassumere la magnificenza e il valore delle opere che potrete ammirare lungo le pareti di questa pinacoteca.

Un po’ di storia

C’è da dire che Londra arrivò un po’ in ritardo rispetto alle altre grandi nazioni europee. Aveva avuto la possibilità di acquistare e nazionalizzare grandi collezioni private già in passato ma fu solo nel 1824 che comprò 38 dipinti che erano stati di un banchiere di nome Argenstein. Da lì partirà la gloriosa storia di un luogo destinato a diventare uno dei punti di riferimento dell’arte mondiale.

Cosa vedere nella National Gallery

L’ho già scritto nella pagina in cui parlo di Trafalgar Square in generale. Quando sono venuta qui da adolescente, furono i quadri di Canaletto a colpirmi: la precisione, le dimensioni, la cura del dettaglio più piccolo che potevo osservare avvicinandomi. Le volte in cui ci sono tornata in seguito invece, avevo uno sguardo più maturo e anche una preparazione diversa. Canaletto continua a conservare un posto nel mio cuore però l’elenco delle opere di valore è talmente grande che davvero ci si perde tra le stanze.

Canaletto Porto Marino con l’imbarco di Sant’Orsola

Qui di seguito ve ne elenco un po’, scegliendo i miei preferiti tra quelli che la stessa National Gallery ha indicato come i propri capolavori.

  • Il Battesimo di Cristo di Piero della Francesca
  • Cena in Emmaus di Caravaggio
  • Girasoli di Van Gogh
  • La Venere Rokeby di Diego Velázquez
  • Autoritratto con camicia ricamata di Rembrandt
  • La Madonna dei Garofani di Raffaello
  • La Vergine delle Rocce di Leonardo da Vinci
  • Ritratto dei coniugi Arnolfini di Van Eyck
  • Venere e Marte di Botticelli
  • Sansone e Dalila di Rubens
  • La valorosa Téméraire di Turner
  • Les grandes baigneuses di Paul Cézanne
  • Donna in piedi alla spinetta di Jan Vermeer
    e poi ancora Monet, Seurat, Van Dyck, Tiziano, Bellini, Paolo Uccello…
Caravaggio Cena in Emmaus

A un passo da cuore di Londra

Organizzarsi per andare a visitare la National Gallery è facilissimo. Soprattutto perché ci si trova davvero a pochi minuti a piedi dal cuore della città. Se uscendo o prima di entrare, vorrete fare uno spuntino, oppure sperimentare qualcuno dei ristoranti etnici di Soho, avrete solo l’imbarazzo della scelta. Inoltre, la National Gallery può essere il punto di partenza per tante passeggiate, sia che vogliate andare verso Buckingham Palace, verso Covent Garden o magari attraversare il Tamigi per vedere Londra dall’alto della ruota panoramica del London Eye.

Informazioni utili

Come tutti i musei britanni, la National Gallery ha l’ingresso gratuito. Solamente le mostre temporanee potrebbero avere un costo: tenetele d’occhio perché ovviamente si parla sempre si esibizioni di altissima caratura.
Per qualsiasi informazione aggiornata, visitate sempre il sito ufficiale della National Gallery.

Trasporti

METRO: Charing Cross (Northern, Bakerloo)
BUS: 6, 9, 11, 12, 13, 15, 23, 24, 29, 53, 87, 88, 91, 139, 159, 176, 453

Nelle vicinanze


Piccadilly Circus
Leicester Square

Orari

Sab-Gio: 10:00 - 18:00
Ven: 10:00 - 21:00

Prezzi

Ingresso Gratuito
Le mostre temporanee potrebbero essere a pagamento